In Garfagnana un centro di biodiversità viticola

typical landscape in Italian region Tuscany

typical landscape in Italian region Tuscany

Sebbene relegata oggi a situazioni di marginalità, se non di abbandono, la viticoltura della Garfagnana, regione montuosa in provincia di Lucca, ha una storia antica, documentata fino dal sedicesimo secolo, e custodisce ancora oggi una forte diversità viticola, con una piattaforma ampelografia diversa da quella di qualsiasi altra zona della Toscana e del resto dell’Italia, rappresentata per il 36% da genotipi di vitigni strettamente autoctoni. La scoperta è dei ricercatori del DAFE (Department of Agriculture Food and Enviroment) dell’Università di Pisa, che hanno mappato e caratterizzato 130 accessioni raccolte nei vecchi vigneti della Garfagnana, per poi ricollocarle in un vigneto-collezione.
Le diverse accessioni sono state quindi caratterizzate dal punto di vista morfologico, fenologico e produttivo e successivamente sottoposte all’analisi genetica del DNA microsatellitare, che ha portato all’identificazione di cinquanta diversi genotipi.
Il confronto di questi con i dati riportati nell’Italian Vitis Database, in altri database e in letteratura, ha consentito di identificare alcune delle varietà come vitigni autoctoni toscani o altre come vitigni extraregionali e di riconoscere 18 dei vitigni individuati come varietà presenti nella sola Garfagnana e aventi un grado elevato di parentela tra loro. Vitigni, questi, quasi dimenticati e a rischio di estinzione, la cui conoscenza e il cui recupero sono fondamentali per la conservazione della biodiversità delle varietà coltivate.
Inoltre è stato messo in evidenza, riconoscendo l’identità di alcune delle altre varietà tradizionalmente presenti, come rispetto alle altre sottozone della Toscana, alcune cultivar di origine francese o spagnola siano presenti in Garfagnana fin dal Medioevo, a testimonianza della fiorente attività che si svolgeva anticamente nelle località attraversate dalla via francigena.

Articolo originale: C. D’Onofrio, C. Fausto, F. Matarese, A. Materazzi, G. Scalabrelli, F. Fiorani, I. Poli. Genotyping of Grapevine Varieties from Garfagnana (Northern Tuscany): Evidence of a Historical Center of Diversity. American Journal of Enology and Viticulture, January 2016, 67: 120-126.

Abstract a cura di Alessandra Biondi Bartolini

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Devi essere autenticato per inviare un commento.

VQ – Vite, Vino & Qualità © 2016 Tutti i diritti riservati

© 2016 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano. Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151